• Il codice della milonga

 

Volver al respeto de los Cόdigos de la milonga

 

Ballare in milonga non riguarda solo ciò che avviene nella coppia ma anche ciò che rende la coppia parte di una pista da ballo, ed essendo il tango un ballo sociale occorre sacrificare parte del nostro individualismo in favore di tutti  coloro che sono intorno a noi….  

Gli amministratori del Gruppo Volver al respeto de los Cόdigos de la milonga, Maria Cristina Di Carlo e Roberto Paonessa, riepilogano  alcune semplici regole di buon senso non scritte, riflesso di una cultura spontanea, accumulate e plasmate attraverso la loro ripetizione in ciascuna notte di tango.

 

Cόdigo de orden

 

Quando si entra in milonga bisogna raggiungere il proprio tavolo senza attraversare la sala, ma spostandosi con discrezione lungo il bordo cercando  di non disturbare chi circola ballando, quindi possibilmente durante le cortine

Si balla in ronde concentriche, ossia in corridoi immaginari e procedendo in senso antiorario.  Non ci si può bloccare permanentemente! L’ideale è non stare fermi più di due battute in uno stesso posto. Le figure più complesse possono essere eseguite negli angoli della pista, laddove la musica e lo spazio lo consentano

La ronda si segue cercando di mantenere sempre  la propria linea ideale di ballo, senza “zigzagare” spostandosi a destra o sinistra, per non tagliare la strada alle altre coppie e quindi rischiare di colpirle accidentalmente

L’uomo prima di eseguire la salida controllerà lo spazio intorno a sé, aspettando il momento corretto per inserirsi nel ballo. I movimenti in senso orario (ad es. il passo indietro) possono essere eseguiti solo se la distanza tra le coppie lo consente e se ovviamente c’è rispetto della ronda, altrimenti sono da evitare. La ballerina, camminando all’indietro, non può rendersi conto dello spazio, quindi occorre averne cura!

Se la ronda funziona le coppie rimangono più o meno equidistanti. Questo significa che è importante gestire la distanza dalla coppia antecedente: se avanza occorre occupare lo spazio che si è liberato; se si ferma ci si deve arrestare senza né andargli a ridosso né superarla

Coloro che sono principianti o che  ancora non sono in grado di gestire la distanza dalle altre coppie, possono disporsi nel corridoio centrale, evitando di inventare o sperimentare “figure” che non si conoscono. Ѐ molto più elegante camminare eseguendo pochi passi ma seguendo il ritmo della musica e la ronda

Se la milonga è affollata, evitare figure che occupano molto spazio (boleos, planeos, ganchos etc.) perché potrebbero costituire un pericolo per le coppie vicine

Proteggere con l’abbraccio la donna da eventuali urti,  regolando la posizione del braccio sinistro perché i gomiti non siano pericolosi (devono “guardare” verso il basso)

Se inavvertitamente dovesse verificarsi una collisione tra coppie, sempre chiedere scusa con un cenno o un sorriso, indipendentemente da chi sia la responsabilità, senza interrompere il ballo

Al termine della tanda, lasciare la pista nel più breve tempo possibile concedendo spazio a chi sta per iniziare

 

Cόdigo de invitacion

 

L’invito al ballo è dell’uomo, normalmente dal proprio posto, verso la donna. L’uomo  potrà invitare la donna che risponda affermativamente alla sua  “mirada”, ossia la guarderà con intenzione negli occhi e verificherà l’accettazione  dell’invito attraverso il “cabeceo”. Se lei non desidera ballare, semplicemente distoglierà lo sguardo. L’uomo solo dopo aver capito che sarà ben accettato, si avvicinerà al tavolino per invitarla. Questo antico invito non verbale evita  situazioni imbarazzanti e spiacevoli col più piccolo dei gesti, il cui significato, in particolare se la donna rifiuta, è privato, tra il richiedente e la persona che risponde

L’invito tra amici dello stesso gruppo è meno formale, ma la mirada e il cabeceo sono sempre graditi

La donna non inviterà mai in maniera esplicita un uomo; potrà mirare anche lei un uomo e instaurare un gioco di sguardi per invitarlo

Se una ballerina è intrattenuta in una conversazione è buona regola non interromperla  per invitarla a ballare

Declinare un invito non è un fatto personale: vuol dire solo che non si ha voglia di ballare. In tal caso, accettare il rifiuto senza insistere

Mai invitare una donna estendendo la mano:  non è un cane!

Quando si invita o si accetta l’invito è buona regola ballare per tutta la durata di una tanda  con lo stesso partner.  Terminare anticipatamente un ballo è sinonimo di inadeguata condotta del proprio compagno, quindi è preferibile sopportare fino al termine

Se non si desidera ballare ancora, in qualsiasi momento, è importante ricordare che  dire “grazie” è generalmente un segnale per terminare la danza

Alla fine di una tanda, quando naturalmente finisce il ballo, è educato dire ancora “grazie”

Non continuare a chiedere scusa al tuo partner se si commettono errori

 

Cόdigo de education y de costumbre

 

L’uomo precederà la compagna sulla pista e qui l’attenderà, scortandola sia all’inizio che al termine della tanda, riaccompagnandola almeno in prossimità del posto dove era seduta

Ѐ la donna che sceglie il tipo di abbraccio. L’uomo sarà molto attento al linguaggio del corpo, favorendo un abbraccio comodo per lei, senza opprimerla e strattonarla

La coppia, dopo l’ abrazo, attenderà qualche istante  prima di iniziare a ballare, ascoltando le prime battute per riconoscere il ritmo della musica e per “sentire” il proprio partner.

Il primo tango serve per “conoscersi”: lasciare per quelli successivi le sequenze più elaborate

Non si parla né si “canticchia” durante il ballo. Dobbiamo rimanere concentrati l’uno sull’altro per interpretare la musica

Anche l’uomo deve prestare ascolto alla ballerina, concedendole tempi e spazi per permetterle di interpretare la musica ed eseguire degli adornos

Le milonghe sono fatte per ballare e non per impartire “lezioni” o correggere il  partner. Se non ci si capisce nell’esecuzione di un passo se ne eseguirà subito un altro, senza commenti

L’uomo che balla con una principiante NON si ostini a proporre passi e figure che la compagna non conosce, per il solo piacere di ostentare la propria bravura. Sarà molto più galante proporle passi che lei sia in grado di capire, senza forzature

Se il partner non sta facendo esattamente quello che si sta guidando, mantenere il flusso del ballo ma senza forzarlo a fare ‘la cosa giusta’. Chi guida davvero dovrebbe, paradossalmente, assecondare la seguidora, adattando i passi e la velocità di esecuzione alle sue capacità

Le coppie che hanno più esperienza tollereranno senza giudicare e  spazientirsi gli errori di chi ha iniziato da poco tempo: tutti siamo stati dei principianti!

L’abbraccio si rompe solo alla fine del tango, e dopo qualche istante dal termine del brano

Evitare di formare tavoli troppo rumorosi o gruppi in piedi che chiacchierano vicino alla pista. La musica si deve poter sentire bene

Durante le esibizioni o le comunicazioni del  musicalizador, rimanere in silenzio per non disturbare

Al termine della serata,  ci si saluterà senza alzare la voce e senza creare capannelli di persone in prossimità della pista

Nel rispetto della tradizione tanghera evitare un abbigliamento esageratamente “casual”  e curare l’igiene personale. Il tango si balla faccia a faccia, quindi cercare di mantenere l’alito fresco ma non masticare chewingum mentre si sta ballando. Se si suda molto, fare pause per evitare il surriscaldamento, o considerare di portare con sé un cambio. 

Quando c’è un’orchestra che suona dal vivo, ascoltare in silenzio il primo pezzo rimanendo  seduti. Solitamente, poi, uno dei componenti dell’orchestra invita tutti a ballare 

Nel caso di una coppia  consolidata, la prima e l’ultima  tanda della serata devono essere lasciati in esclusiva al proprio partner

Nelle milongas porteñas più tradizionali esistono di norma tre settori: uomini single, donne single e coppie.  Chi arriva in coppia di solito non viene invitato da altri ballerini a meno che non inizino loro stessi a ballare separatamente. Anche in tal caso è comunque buona educazione chiedere il consenso del partner

 

Fonte: Tangando.it